Il preparatore camerte Broglia accusato di mancanza di titoli: "Offeso e infastidito dopo una vita nello sport"

4' di lettura 27/04/2022 - Dopo tanti anni di lavoro sul campo ed alla luce del sole, il preparatore di Camerino Prof. Gian Luca Broglia, laureato all’allora ISEF di Perugia per l’insegnamento dell’educazione fisica, quindi docente presso Unicam, vanta anche un passato nell’atletica come velocista e allenatore di Primo Livello Fidal con la specializzazione in velocità e ostacoli che gli è stato conferito dalla Scuola Nazionale di Atletica Leggera di Formia.

Il professore si è ritrovato alla ribalta dell’opinione pubblica, con l’accusa più sorprendente della mancanza di titoli, per il suo lavoro di collaborazione sotto l’aspetto atletico di due società della Lega Dilettanti dei campionati marchigiani.

Broglia attualmente è dirigente della Jesina, con mansioni di cura della preparazione fisica per i giocatori ed allo stesso tempo dà il suo contributo da esterno per la rieducazione e l’assistenza dei giocatori in diverse società sportive. Rieducazione motoria che avviene sia in campo che fuori, oltre a luoghi specifici come la piscina, dove si occupa di seguire anche altri atleti, non solo calciatori.

Sbattuto in prima pagina con le società a cui offre le sue competenze, il noto preparatore sarebbe accusato di svolgere la sua attività senza i titoli necessari. In passato era stato preparatore di squadre come il Matelica (per molti anni fino al Cnd), quindi di società come Camerino, Fabriano/Cerreto, Recanatese, Fortitudo Fabriano, Caldarola, Urbisalviense, Tolentino nelle varie categorie dilenttantistiche ed anche docente presso la scuola elementare "Ugo Betti" di Camerino.

Innanzitutto prof. Broglia, la posso chiamare con questo titolo, visto che le è stato contestato?
“Sì, direi proprio di sì, su questo non credo ci siano dubbi”.

Allora, secondo lei com’è venuta fuori questa situazione che gli viene affibbiata?
“Per quanto riguarda le accuse – dice Broglia - queste riguarderebbero l’attività di collaboratore atletico (e viste le mie capacità in questo settore non credo che ci siano dei dubbi) e che io non abbia il titolo di preparatore Atletico FIGC; però ho una laurea in scienze motorie, diverse specializzazioni e anche alcune pubblicazioni scientifiche e oltretutto sono anche professore in quanto docente universitario presso Unicam. Per cui dire che non abbia qualifiche è altamente offensivo nei miei confronti”.

In un primo momento si era pensato ad una doppia collaborazione con squadre di diverse categorie appartenenti alla stessa Lega (in questo caso quella Dilettanti), quindi incompatibili, ma non è così?
“Io non sono tesserato comunque con due società. Sono tesserato come dirigente con la Jesina Calcio, non come tecnico, poi collaboro dal punto di vista atletico in quanto la società ritiene che le mie competenze possano essere di aiuto ai giocatori sotto questo punto di vista”.

Come ha reagito allora a queste accuse che lo hanno portato alla ribalta delle cronache sportive e come intende replicare?
“La cosa che mi è dispiaciuta di più di tutta questa vicenda, è vedere scritto sul giornale che non ho qualifiche, questo veramente, a 60 anni e dopo essere stato una vita nello sport (prima come atleta e poi come preparatore di tantissime squadre e di molti atleti anche di sport diversi), mi ha dato molto fastidio e mi ha offeso”.

Per gestire la preparazione fisica di un calciatore ed il recupero degli infortunati, non ha bisogno del patentino di allenatore di calcio, poi lo fa da anni... il caso scoppia solo adesso?
“Come detto all’inizio, ho diversi titoli che mi danno la possibilità di occuparmi della preparazione fisica, primo fra tutti, oltre al Diploma ISEF ed ai molteplici congressi e convegni seguiti, la partecipazione al corso presso la Scuola Nazionale di Atletica Leggera nel 1986-87 dove ho avuto la fortuna di avere docenti del calibro di Carmelo Bosco, Carlo Vittori (allenatore di Pietro Mennea, n.d.r.) e Roberto Frinolli. Tutte personalità che sicuramente ci hanno insegnato moltissimo a livello di preparazione fisica per qualsiasi sport: le loro tecniche sono studiate da chiunque si avvicini alla materia dell’allenamento sportivo e il valore dei loro studi è ad oggi riconosciuto in tutto il mondo”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.
Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente al giornale desiderato nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "Notizie on".
Per Telegram cliccare il canale desiderato e iscriversi.

Giornale Whatsapp Telegram
Vivere Camerino 340.8701339 @VivereCamerino
Vivere Fabriano 376.0081705 @VivereFabriano
Vivere Macerata 328.6037088 @VivereMacerata







Questo è un articolo pubblicato il 27-04-2022 alle 19:33 sul giornale del 28 aprile 2022 - 3936 letture

In questo articolo si parla di sport, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/c4cY





logoEV
logoEV
qrcode