San Miniato troppo forte, esordio amaro della Vigor Basket Matelica in Serie B

3' di lettura 03/10/2022 - Non riesce il colpo grosso alla Halley Matelica nella gara che segna la storica prima volta in Serie B. La Le Patrie San Miniato conferma tutte le sue qualità e piega alla distanza una comunque volitiva Vigor, che paga le brutte percentuali al tiro e qualche palla persa di troppo.

Lo spartito è quello annunciato sin dai primi minuti: una partita sporca, dura, giocata più con la clava che con il fioretto. Tozzi scalda subito la mano, ma la Halley sembra poter ribattere colpo su colpo. Una bomba di Guglielmi sul finire del primo periodo dà il +6 ai toscani (19-13 al 9’) e fa apparire i fantasmi ai ragazzi di coach Cecchini. I biancorossi perdono filo, restando senza segnare per quasi 4’ a cavallo tra primo e secondo periodo e scendendo fino al -12 (31-19 al 17’ con due liberi di Venturoli), ma hanno il merito di non mollare la presa nel momento più delicato della serata: due liberi di Seck fissano il punteggio sul 31-23 di metà gara e non è così male per come si stavano mettendo le cose. Il terzo periodo è decisamente il migliore per la Halley. Gallo e Riccio trovano finalmente il canestro con un minimo di continuità e proprio una tripla del play napoletano corona il ritorno matelicese a -2 (35-33 al 24’).

Alla Vigor manca soltanto la zampata con la quale mettere la testa avanti e provare a girare definitivamente l’inerzia e allora la Le Patrie, seppur con qualche apprensione, mantiene la testa della gara al termine del terzo periodo (48-45 al 30’). Sembra il preludio a 10' di battaglia fino all’ultimo pallone e invece San Miniato spegne subito gli ardori vigorini. Una bomba di Capozio e un canestro di Cipriani ricacciando indietro la Halley (53-45 al 32’) e i biancorossi non hanno più la forza di reagire davvero. La Etrusca ritorna a +12 e seppur capitan Caroli e compagni non sprofondino, non creano più problemi ai padroni di casa, che si prendono i primi due punti della stagione. Nessun dramma, ci sta perdere su un campo difficile contro una squadra reduce dalla finale promozione per la A2 di qualche mese fa. L’occasione per la riscossa arriverà domenica prossima, quando al palas di Castelraimondo salirà la Sinermatic Ozzano per la prima volta casalinga in cadetteria.

Questo il commento di coach Lorenzo Cecchini: «Siamo partiti troppo timorosi e rinunciatari in attacco, ma soprattutto ci siamo tirati un po’ indietro rispetto al loro modo di giocare con le mani addosso. E così andando avanti nella gara abbiamo accumulato ruggini e timori finché non ce l’abbiamo più fatta a resistere. Siamo stati bravi a riaprirla tornando punto a punto nel terzo quarto, poi abbiamo avuto un blackout causato da tre canestri di fila subiti allo scadere dei 24”, che ci hanno tagliato le gambe. Giocare su questo campo non è facile in generale, quando incontri una difesa così fisica rispondere con un po’ troppo di timore, giocando troppo 1vs5, ti fa finire nella loro trappola. Al di là del fatto che non abbiamo fatto una buona prova offensiva, loro hanno sfruttato qualche nostro errore stupido: una schiacciata sbagliata, tiri liberi sbagliati, cose così. E in una partita del genere è stato un elemento importante soprattutto nella prima metà di gara. Nella ripresa abbiamo un po’ sistemato queste cose, ma non è bastato. Domenica ospitiamo Ozzano, una squadra che, come San Miniato, ogni anno parte a fari spenti ma è sempre in grado di stupire, facendo ottimi campionati e dimostrando di avere dirigenza e giocatori che conoscono bene questo campionato. Dobbiamo aspettarci una partita simile a quella di oggi, ma dovremo affrontarla senza quel pizzico di timore reverenziale che abbiamo avuto oggi».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-10-2022 alle 12:54 sul giornale del 04 ottobre 2022 - 122 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, matelica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dtmh





logoEV
logoEV