Calcio e solidarietà, i giocatori del Camerino donano una somma alle clarisse di Santa Chiara

3' di lettura 17/11/2022 - Quando si sono aperte le porte del Monastero di Santa Chiara c'è stata grande sorpresa per le sorelle clarisse di Camerino, che hanno ricevuto una delegazione dell'Asd Camerino Calcio, arrivata per consegnare la cifra di 320 euro, raccolta fra i giocatori della prima squadra e della juniores dopo una serata trascorsa insieme alla dirigenza e staff tecnico in pizzeria per rafforzare il clima familiare istituitosi nell'ambiente biancorosso.

Era stata quella l'occasione in cui i giocatori si sono auto proclamati primi sostenitori dell'Asd Camerino, autotassandosi con modiche o simboliche cifre, per poi destinare la somma in beneficienza. Come destinatarie sono state scelte le Suore del Monastero di Santa Chiara, decisione arrivata sempre dai ragazzi e con grande entusiasmo.

L'idea di coinvolgere anche i giocatori, invitandoli a cena, è stata ancora una volta dell'estroso e istrionico presidente Falzetti, che partendo da lontano è riuscito con un gioco di parole, prima a creare ansia e attenzione, per poi trasformarlo in una divertente partita conviviale a scopo benefico. Stavolta sono stati gli stessi giocatori ad esprimere la propria solidarietà e scegliere il fruitore. A consegnare la somma raccolta fra i giocatori alle Suore Clarisse sono stati il dirigente Gianluca Mancinelli (in rappresentanza del direttivo) accompagnato dai capitani delle due compagini, Alessandro Salvetti per la la squadra maggiore e Filippo Verazzo per quella Juniores.

Dall'altra parte, entusiaste ed allo stesso tempo emozionate c'erano le sorelle Cristiana, Vichi e Vittoria, che sono state omaggiate anche delle sciarpe del Camerino. "E' stato un momento e un gesto molto bello - dice suor Vittoria - importante anche nel suo significato e che testimonia il fatto di due realtà che, pur diverse, fanno parte del territorio e si sostengono a vicenda. No ci siamo sempre per chi ha bisogno di noi e lo sport aiuta, educa e forma nuove generazioni. E' stato un bel segnale di presenza e di vicinanza reciproca questa iniziativa dei ragazzi del Camerino Calcio di donare al nostro monastero le loro offerte. Ci hanno dato anche delle sciarpe e per noi, che siamo sempre state "tifose" del Camerino, su questo non ci piove, facciamo il tifo per il nostro territorio, per i giovani e per il futuro. Ci hanno donato anche delle sciarpe ed è stato un segnale e un ricordo che va oltre l'aspetto della gara, un segno di appartenenza reciproca. Questi sono i frutti che vanno oltre i campi di calcio".

Iniziative simili, rientrano nella politica societaria e come è già successo in passato (vedi il derby inaugurale con il Castelraimondo), saranno ripetute in futuro, soprattutto nelle grandi occasioni. Infatti, va ricordato che l'ingresso al campo per assistere alle partite delle squadre del Camerino in questa stagione è gratuito per tutti, sostenitori locali e ospiti, ma in alcuni appuntamenti sono previste libere donazioni da devolvere poi in beneficienza presso enti e associazioni bisognose e da scegliere sul territorio. Per l'aspetto sportivo nel prossimo impegno di campionato, la squadra di prima categoria affronterà sabato in casa (ore 14,30) il Sarnano dell'ex Francesco Fede, mentre la juniores ospiterà domenica alla stessa ora il Porto Recanati.








Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2022 alle 12:35 sul giornale del 18 novembre 2022 - 2284 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dDfV





logoEV
logoEV
qrcode