Furti e inseguimento dei Carabinieri: nell'A3 la refurtiva e ogni tipo di arnese da scasso. Proseguono le indagini

2' di lettura 19/11/2022 - Sono riusciti a far perdere al momento le loro tracce gli autori dei due furti messi a segno in altrettante abitazioni di Castelraimondo nel tardo pomeriggio dell’altro ieri.

Dopo essere stati intercettati e costretti ad abbandonare l’auto in seguito ad una collisione con una Jeep dei Carabinieri di Camerino, i malviventi si sono liberati anche degli arnesi da scasso e parte della refurtiva. Dai vari reperti rinvenuti all'interno dell'auto, seguiti da accurati esami e ispezioni sull'Audi A3 bianca utilizzata nei raid e risultata rubata dai malviventi nel Lazio, gli inquirenti stanno traendo utili elementi per risalire agli autori dei furti.

I ladri sono fuggiti poi a piedi, dopo uno spericolato inseguimento, che nel tratto fra Matelica e Camerino (dove sono stati intercettati) ha toccato anche punte di velocità di circa 200 km/h nei punti dove la strada lo permetteva. Costretti poi a darsi alla macchia, probabilmente anche a causa delle conseguenze riportate dalla vettura dopo l’impatto con quella dei Carabinieri di Camerino, ma principalmente perché ormai braccati a ridosso del centro abitato, fino ad ora sono riusciti a sottrarsi alla cattura.

Le indagini proseguono ad ampio raggio e gli inquirenti stanno tracciando anche le celle telefoniche che coprono l’area di Camerino da San Paolo verso Le Calvie, dove sembra abbiano trovato riparo durante la notte dei furti, passata forse all’addiaccio prima di chiedere aiuto ad eventuali complici. Dall'esame dell'auto si potrà probabilmente conoscere il numero effettivo dei malviventi entrati in azione.

Considerato che l'auto utilizzata per i raid ha i vetri oscurati è stato impossibile notare le persone a bordo, che poi si sono dileguate al primo punto buio incontrato lungo la discesa di Madonna delle Carceri. I primi sospetti, proprio per le modalità, il tracciato dell’auto e il comportamento della fuga, lascia pensare a professionisti dello scasso provenienti dalle regioni limitrofe, con un particolare riguardo all’Umbria. Come già accaduto già negli anni passati, il mese di novembre, con il buio che arriva molto presto, dà l'opportunità ai ladri di appartamento di poter agire indisturbati con le case ancora vuote.

Le forze dell’ordine invitano quindi tutti gli abitanti del territorio a tenere alta l’attenzione e segnalare immediatamente la presenza di persone e auto sospette.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.
Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente al giornale desiderato nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "Notizie on".
Per Telegram cliccare il canale desiderato e iscriversi.

Giornale Whatsapp Telegram
Vivere Camerino 340.8701339 @VivereCamerino
Vivere Macerata 328.6037088 @VivereMacerata







Questo è un articolo pubblicato il 19-11-2022 alle 13:20 sul giornale del 21 novembre 2022 - 4502 letture

In questo articolo si parla di cronaca, matelica, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dDHO





logoEV
logoEV