La Porta del Purgatorio di Crispiero e l'opera dell'artista Tupini

2' di lettura 09/12/2022 - L’artista locale Sauro Tupini ha reinterpretato la Natività di Luca Giordano all’interno della Porta del Purgatorio, sita nel lato destro della chiesa di Maria SS. “Auxilium Christianorum” di Crispiero.

L’installazione pittorica su tavola è stata inaugurata nel pomeriggio di ieri alla presenza di un folto pubblico che ha apprezzato l’opera di Tupini. Complimenti e ringraziamenti sono arrivati anche dal sindaco di Castelraimondo Patrizio Leonelli, dall’assessore Elisabetta Torregiani e dai consiglieri Paolo Cesanelli, Valeria Lucarini e Claudio Cavallaro. «Una bellissima tavola che impreziosisce la frazione di Crispiero – spiega Leonelli - dopo tanti anni di studi e ricerche siamo riusciti a riportare alla luce un pezzo importante della nostra storia, soprattutto nell’ambito dei cammini spirituali. Ogni anno da qui passano tanti pellegrini che ora potranno ammirare quest’opera molto bella e armonica nel contesto della Porta del Purgatorio».

Presente anche il professore Giulio Mataloni che ha descritto la struttura architettonica della chiesa nei diversi secoli fino ad oggi e ha richiamato la tradizione della Porta fin dal lontano 1200. Un passaggio, appunto la Porta del Purgatorio, che consente ai credenti di passare da questa vita all’altra attraverso l’obbligo della purificazione fino ad essere degni di entrare nella gloria del paradiso. Lo stesso Mataloni poi ha presentato l’opera nella sua accezione più ampia dell’arte, la personalità dell’artista e la sua creatività nel contesto in cui l’opera è stata concepita e poi realizzata ed inserita nell’antica Porta del Purgatorio, ora chiusa, ma una volta aperta e per il cui varco le persone dovevano salire tre o quattro gradini, chinare il capo per entrare nel tempio oppure uscire e alzarlo nuovamente per ritornare alla quotidianità della vita. La cerimonia di inaugurazione si è conclusa alla taverna Paradiso dove la signora Tiziana Manasse ha servito a tutti i partecipanti un ottimo vin brûlé, una tazza di cioccolato calda e una fetta di panettone.

Sempre nella giornata di ieri (8 dicembre) è stato reso visibile in corso Italia il quadro (nell'ultima foto sotto), in onore dell’Immacolata, dell’associazione dei maestri infioratori, una delle tantissime realtà che partecipano all’Infiorata del Corpus Domini di Castelraimondo.


dal Comune di Castelraimondo
www.comune.castelraimondo.mc.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2022 alle 13:01 sul giornale del 10 dicembre 2022 - 498 letture

In questo articolo si parla di attualità, castelraimondo, comune di castelraimondo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dHwV





logoEV
logoEV
qrcode