Truffa da oltre un milione ai danni dello Stato e dell'Unione Europea: un arresto e una denuncia

3' di lettura 24/03/2023 - I finanzieri della Tenenza di Camerino hanno dato esecuzione a un’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari e a un decreto di sequestro preventivo, emessi dal Gip di Macerata su richiesta dell’European Public Prosecutor’s Office (EPPO) di Bologna per complessivi 1.085.308 euro.

I provvedimenti cautelari giungono al termine di complesse indagini condotte dalle Fiamme Gialle camerti nei confronti di due cittadini italiani e di una società riferibile ad uno di loro, beneficiaria di finanziamenti agevolati e garantiti per € 1.175.317, con accesso al Fondo di Garanzia Nazionale PMI Legge 662/96 e garantiti da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., anche a valere: sulle risorse del programma COSME del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) - istituito ai sensi del Piano di Investimenti per l'Europa (c.d. "Piano Juncker"); sullo Strumento di garanzia per i settori culturali e creativi (“Garanzia CCS”) con la copertura dell'Unione Europea, ai sensi del Programma Europa Creativa (“Creative Europe Programme”), e del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI), istituito ai sensi del Piano Investimenti per l'Europa.

Gli accertamenti condotti dai militari della Tenenza di Camerino, su delega della Procura Europea di Bologna, hanno fatto emergere numerose ipotesi di truffa aggravata in danno dello Stato e dell’Unione Europea, trattandosi di ben 9 finanziamenti indebitamente percepiti per un totale di € 1.175.317 (parte dei quali restituiti), tutti garantiti da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. anche a valere sulle risorse dell’Unione Europea, di cui: € 890.000 di finanziamenti garantiti attraverso il Fondo PMI Legge 662/96; € 114.190 di contributi a fondo perduto erogati dalla SIMEST SPA; € 171.127 di sovvenzioni attraverso il Fondo 394/81 erogate dalla SIMEST SPA.

Dalle indagini è emerso che l’amministratore e socio unico della società, al fine di beneficiare dei finanziamenti agevolati/garantiti in questione ha presentato agli Enti erogatori documentazione artefatta, tra cui Bilanci di Esercizio societari realizzati ad hoc senza il supporto di alcuna contabilità e riportanti poste di bilancio “gonfiate”. A ciò si aggiunga che l’indagato ha indebitamente richiesto ulteriori Aiuti pubblici all’Ente erogatore SIMEST SPA a carico sia del Bilancio Nazionale che di quello Comunitario (nell’ambito del programma temporaneo di investimento Next Generation EU), a valere in parte sul Fondo per la Promozione Integrata ed in parte sulle disponibilità del PNRR allocate al Fondo 394/81, pari ad € 661.761, che non sono stati concessi/erogati per il tempestivo intervento del Reparto operante che ne ha fatto bloccare l’elargizione. Nel corso delle indagini è altresì emerso che l’indagato, dopo aver indebitamente percepito i finanziamenti di cui sopra, ha reimpiegato il denaro, ottenuto quale provento dei delitti di truffa aggravata, in attività economico-finanziarie presso altre società, sia italiane che estere, in parte anche a lui riconducibili. L’ammontare del denaro oggetto di autoriciclaggio è stato quantificato in oltre 1 milione di euro.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Macerata, su richiesta della Procura Europea di Bologna, ha emesso un’Ordinanza di misura cautelare personale degli arresti domiciliari e un provvedimento di sequestro preventivo del profitto dei reati di truffa aggravata (al netto di una parte dei finanziamenti restituiti) pari a € 1.085.308, attualmente in esecuzione. La trasversalità delle investigazioni, tipica del Corpo, ha altresì portato all’avvio di una verifica fiscale nei confronti della società oggetto di indagini, che ha operato in veste di evasore totale, avendo omesso la presentazione delle Dichiarazioni dei redditi ed IVA per diverse annualità, nonché nei confronti di altre due società, risultate collegate alla prima, individuate attraverso l’osservazione del contesto economico di riferimento e l’analisi di informazioni antiriciclaggio, operanti nella vendita di pacchetti “all inclusive” per conto di una clinica di Istanbul (Turchia) attiva nel settore del trapianto e infoltimento dei capelli. Inoltre, alla luce degli elementi acquisiti al procedimento penale, è stata contestata alla società indagata la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001.


di Roberto Scorcella
macerata@vivere.it







Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2023 alle 13:37 sul giornale del 25 marzo 2023 - 1124 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, sequestro, macerata, arresto, camerino, guardia di finanza, articolo, roberto scorcella

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dZdQ





logoEV
qrcode