I chimici del '67 si ritrovano all'Università di Camerino, convegno e ritrovo per un folto gruppo di laureati

2' di lettura 16/07/2023 - Quella di ieri a Camerino, per un folto gruppo di laureati in chimica ad Unicam nel 1967 non è stata solo un’occasione per ritrovarsi e stare insieme, ma anche un’opportunità di discutere con gli attuali docenti ed esperti dell’evoluzione della scienza e della chimica nei veri settori della ricerca, della tecnologia e dell’economia.

Diversi gli argomenti trattati nell’ambito del convegno organizzato proprio dagli studenti iscritti alla facoltà di Chimica dell’Università di Camerino del 1967, che rispondevano (allora come oggi) al nome del “2° Michigan”. E’ stata anche l’occasione, per molti di loro visitare anche le nuove strutture dell’ateneo, in particolare quelle che riguardano la chimica come il nuovo centro di ricerca “Chemistry Interdisciplinary Project” (Chip), realizzato lungo Madonna delle Carceri, dove si snoda gran parte del polo e delle strutture relative al settore scientifico e tecnologico. E’ al Chip, infatti, che i laureati del “2° Michigan” si sono dati appuntamento per questa iniziativa, alla quale hanno partecipato il rettore uscente Claudio Pettinari (nella doppia veste anche di chimico) ed il suo successore e neo eletto Graziano Leoni, come prossimo padrone di casa.

Nutrita e partecipata la presenza dei chimici del ’67, che hanno preso parte attivamente al convegno, nel quale sono stati trattati argomenti di assoluta attualità, che sono risultati di estremo interesse. Bella, significativa ed emozionante per molti di loro, assistere alle relazioni di quelli che sono stati in passato propri allievi e che nell’occasione erano seduti dall’altra parte, sulla cattedra (tavolo dei relatori), a dimostrazione del cambio generazionale che avanza. Per molti è stato una bella sensazione prendere lezione dai loro ex allievi, che hanno mostrato competenza e idee innovative.

Ad aprire i lavori, dopo i saluti di rito, è stato nella veste di docente il prof. Caladio Pettinati che affrontato il tema riguardante i materiali del futuro per l’energia e l’ambiente, mentre a seguire dal prof. Serena Gabrielli (docente di Unicam) ha affrontato quello riguardante le sfide del futuro a cominciare dagli scarti alla plastica. A seguire il prof. Francesco Nobili si è soffermato sull’importanza della chimica nella transizione energetica ed infine il prof Gianni Sagratini (direttore della Scuola Scienze del Farmaco) ha sviluppato il tema del ruolo della chimica nel campo della “nutraceutica”.

Al termine del convegno, il nutrito gruppo di laureati del ’67 si sono ritrovati al Relais Villa Fornari per il pranzo e per trascorre del tempo insieme e scambiarsi ricordi ed emozioni.








Questo è un articolo pubblicato il 16-07-2023 alle 14:36 sul giornale del 17 luglio 2023 - 4042 letture

In questo articolo si parla di attualità, angelo ubaldi, articolo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ejX7





logoEV
logoEV
qrcode