Cambia (di nuovo) il sistema di acquisto online delle sigarette elettroniche

4' di lettura 24/08/2023 - Si apre un nuovo capitolo sul tema delle sigarette elettroniche, chiamate anche svapatori per via del loro caratteristico sistema di combustione che permette al fumatore di aspirare e rilasciare il fumo come con una sigaretta tradizionale.

La sigaretta elettronica è ormai uno dei sistemi di fumo alternativo alla classica sigaretta tra i più diffusi: i dati più recenti in Italia sono quelli relativi al 2018 e parlano di una crescita nell’utilizzo delle sigarette elettroniche decisamente importante con i vapers che, tra gli adolescenti italiani, in soli 4 anni sono più che raddoppiati passando da 8% a 18% mentre gli adolescenti che svapano e non fumano sono passati dal 3% all'8%.

Dati incoraggianti che si accompagnano a quelli forniti da un recente studio di Francesco Moscone, professore alla Brunel University di Londra, che ha dimostrato come l’utilizzo delle sigarette elettroniche non solo rappresenti un miglioramento per la salute dei fumatori, ma anche un modo per alleggerire notevolmente il peso sulle strutture sanitarie.

Tuttavia, per gli utilizzatori abituali delle sigarette elettroniche e per i rivenditori delle stesse, ci sono delle novità all’orizzonte inerenti proprio la vendita delle sigarette elettroniche. In realtà, le varie normative inerenti il mondo del vaping, in questi ultimi anni, sono state molteplici e si è passati da uno stop all’altro, soprattutto dopo alcuni problemi di carattere fiscale che hanno interessato i liquidi destinati al vaping.

Vaping: le nuove regole per acquirenti e rivenditori

Come accade con ogni novità che necessiti di essere regolamentata con regole sicure ed accurate, anche il mercato dello svapo è in continuo mutamento, con gli Stati Ue che pian piano cercano di uniformare regole e leggi, nel tentativo soprattutto di tutelare i minori e contrastare il commercio illegale e il mercato illecito. Come sanno i vapers, fino a poco tempo fa era possibile non solo acquistare e-cig nei vari rivenditori fisici, ma anche online dove si possono persino trovare guide e consigli per scegliere lo svapo più adatto alle proprie esigenze o ai propri gusti. Visitando il blog svapostore, ad esempio, è possibile trovare tante news e curiosità sul tema svapo, oltre che le varie leggi ed emendamenti che vengono rilasciati più o meno periodicamente nel tentativo di regolamentare un mercato in decisa crescita.

Ebbene, fino a poco tempo fa un testo realizzato dalla Commissione Europea prevedeva il divieto di vendita di e-cigarette fuori dall'Italia, una stretta che a molti era sembrata eccessiva ed è per questo che è stata oggetto di revisione. Un emendamento della commissione approvato dall'Aula prevede ora, invece, la possibilità di acquistare il prodotto online anche da Paesi dell'Ue ma solo con consegna in tabaccheria o in un negozio di e-cig che va indicato al momento dell'acquisto via internet.

Vendita delle sigarette elettroniche online: ecco cosa si potrà fare e cosa no

Dunque con le nuove regole approvate recentemente, rimane consentita la vendita di liquidi da inalazione sul web, purché effettuata da aziende autorizzate alla gestione di un deposito fiscale, mentre èvietata la vendita a distanza transfrontaliera o con approvvigionamento transfrontaliero,ai consumatori che acquistano nel territorio dello Stato.

Non solo: con un emendamento alla Legge delega fiscale proposto dalla commissione finanze della Camera, approvato dalla maggioranza parlamentare, sono state anche introdotte alcune novità come ad esempio la possibilità di acquistare soltanto prodotti europei o regolarmente importati da aziende comunitarie, l’obbligo di ritiro di qualunque ordinativo esclusivamente presso una tabaccheria o una rivendita di sigarette elettroniche oppure nelle farmacie e parafarmacie autorizzate dall’Agenzia delle dogane e monopoli a scelta dell’acquirente. Inoltre, al momento, sembra che solo la persona che ha effettuato l’ordine potrà ritirarlo in modo che si possa controllare che si effettivamente maggiorenne. Infine sarà inibita la vendita a distanza dei liquidi e dei dispositivi monouso o precaricati contenenti nicotina, mentre al contrario i prodotti senza nicotina potranno essere acquistati, ma non consegnati a domicilio: dovranno necessariamente essere ritirati presso una tabaccheria o un negozio specializzato in e-cigarette.

L’obiettivo, come già accennato, è quello di promuovere un maggiore controllo del settore per contrastare ogni illecito e tutelate così la salute dei più giovani e dei minori.


   

di Redazione





Questo è un articolo pubblicato il 24-08-2023 alle 14:42 sul giornale del 24 agosto 2023 - 230 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eoUb


logoEV
logoEV
qrcode