Botta e risposta tra Pieve Torina e la Tim, Gentilucci: "Questi dirigenti pretendono di darci lezioni di strategia economica"

1' di lettura 20/09/2023 - “Se un comune come Pieve Torina, un topolino rispetto alle grandi compagnie telefoniche, è riuscito a mettere in disponibilità dei propri cittadini un servizio di hotspot gratuito per la telefonia, figuriamoci cosa avrebbe potuto fare TIM se solo avesse voluto".

E' il sindaco di Pieve Torina a farsi sentire nel botta e risposta con la Tim dopo il via alla sperimentazione di telefonia tramite internet lungo la valle del Sant’Angelo.

"È pleonastico chiamare ancora in causa mere ragioni di ordine economico per negare un servizio di pubblica utilità - prosegue - L’atteggiamento degli interlocutori non tiene conto della storia di quell’azienda. Ricordo che la TIM ha avuto, nel Ministero del Tesoro, e quindi nello Stato italiano, uno dei suoi maggiori azionisti fino alla privatizzazione. E che ancora la Cassa Depositi e Prestiti, istituzione finanziaria dello Stato, è tra i suoi azionisti. Questi dirigenti pretendono di darci lezioni di strategia economica dimenticando che la fruizione di un servizio come la telefonia non può essere catalogata come un lusso. In un contesto fragile com’è Pieve Torina, ancora devastato dal terremoto, sarebbe stato diligente garantire tale servizio ai nostri cittadini. Di fronte a questa risposta, non posso che appellarmi direttamente al governo perché stigmatizzi tale comportamento e adotti le opportune contromisure”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2023 alle 15:43 sul giornale del 21 settembre 2023 - 308 letture

In questo articolo si parla di politica, pieve torina, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/esQP





logoEV
logoEV
qrcode