Il Camerino vince in rimonta ed esulta in pieno recupero

3' di lettura 02/10/2023 - Vittoria di cuore e della disperazione la prima in casa del Camerino, che al comunale di Le Calvie supera in rimonta un’ostica Passatempese (2-1) in rimonta e nel recupero. Una vittoria d’altri tempi, non adatta ai deboli di cuore, quella firmata dai soliti noti, Montecchia (su rigore) e poi Romoli al 93’ con girata ravvicinata su assist di Moriconi.

Soliti noti, locali protagonisti della passata stagione, con la firma importante del neoacquisto Danilo Ferretti (ex Pioraco) che, entrato nella ripresa, si è messo in luce non solo per aver conquistato il rigore trasformato con freddezza e precisione da Montecchia (inserito a gara in corso), ma con la sua tecnica, rapidità e visione di gioco ha dispensato assist e giocate che hanno deliziato il pubblico e messo in crisi i solidi avversari. Un Ferretti utile in tutte le versioni, che si è ben comportato nella doppia veste di assist-man e attaccante.

Nel primo tempo la Passatempese ha tenuto meglio il campo ed ha creato per prima i pericoli più seri andando vicina al gol con il bomber Donzelli (ex Osimana), al quale ha risposto Romoli dopo un tiro di Duca respinto da un difensore che ha salvato sulla riga. Nella ripresa, gli ospiti partivano meglio e si rendevano pericolosi in un paio di occasioni, con un palo di Gramanzio e una parata dell’ottimo Digifico su un tiro deviato del solito Donzelli. Camerino che soffre e mister Tiburzi che prova a cambiare qualcosa, prima in regia con Salvetti al posto di Cottini e poi gioca la carta Montecchia (al posto di un Monserrat non ancora brillante), per allungare gli ospiti e portare più peso in area. E’ il gol della Passatempese, nato da un’ingenuità di Bergamini che ha favorito poi lo stesso Donzelli che stavolta non ha sbagliato, a scuotere il Camerino.

Subito in campo Ferretti che in pochi attimi di gioco con una giocata eccezionale mette Montecchia davanti alla porta, pallonetto sul portiere in uscita del bomber locale e palla che si spegne di un soffio sopra la traversa e poi fuori. Il Camerino si scuote, prende fiducia, Tiburzi gioca tutte le sue carte inserendo l’altro attaccante Aquili e anche Moriconi. La gara s’incattivisce, la Passatempese sul finire resta in 10 per l’espulsione di Stortoni (doppio giallo). Il Camerino getta in campo tutta l’anima ed il cuore, si affida alle individualità e la prova di orgoglio di altri tempi, lo premiano a tempo scaduto, quando Romoli (centrocampista col vizio del gol e per l’occasione trequartista più avanzato), gira sotto la traversa un rasoterra in area da destra.

Primo successo, più di cuore che di testa, ottenuto con in campo soprattutto la vecchia guardia (si fa per dire, vista l’età), che mantiene il Camerino in linea con la media inglese, lo porta in testa alla classifica insieme ad un gruppo dove ci sono anche le altre big Settempeda e Vigor Montecosaro, ma soprattutto riaccende entusiasmo e dà continuità ai risultati. Una vittoria vecchio stile, con TIburzi che si gioca tutti gli attaccanti a disposizione e ribalta con cuore, più che con la testa, una gara difficile, contro una squadra che ha rispettato tutte le attese della vigilia, così come l’equilibrio manifestato a livello generale in queste prima battute di campionato.








Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2023 alle 11:48 sul giornale del 03 ottobre 2023 - 946 letture

In questo articolo si parla di sport, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/euM4





logoEV
logoEV
qrcode