Ristrutturazione stazione sperimentale di granicoltura a Rieti, la pronipote di Strampelli: "Ora si replichi a Castelraimondo con un progetto sulla casa natale"

2' di lettura 14/12/2023 - Il 4 dicembre ultimo scorso è stato inaugurato, presso il Ministero dell'Agricoltura, un museo interamente dedicato al mio bisnonno Nazzareno Strampelli.

In quell'occasione il Commissario alla ricostruzione sisma 2016, Guido Castelli, ha annunciato lo stanziamento di 5 milioni e mezzo di euro per la ristrutturazione della Stazione Sperimentale di Rieti dove Nazzareno Strampelli operò dal 1903.

Nazzareno nacque a Crispiero di Castelraimondo il 29 maggio 1866, iniziò, prima a Crispiero e poi a Camerino, nel 1900, i suoi studi e i suoi esperimenti, pur ignorando le leggi di Mendel perché ancora sconosciute al mondo. Nel 1903 vinse il concorso per la Cattedra Ambulante Sperimentale di Granicoltura di Rieti e quando giunse lì, come mia nonna Augusta, sua figlia maggiore, ci ripeteva sempre, trovò una stanza vuota con un solo sgabello (visibile al neo museo romano), ma non si scoraggiò perché era convinto della bontà del suo pensiero sulle ibridazioni. E la storia gli ha dato ragione.

È notizia di ieri che, finalmente, è stata raggiunta l'intesa in Cabina di Coordinamento Sisma per l'avvio dei lavori di ristrutturazione della Stazione Sperimentale di Granicoltura Strampelli per l'importo, nel frattempo lievitato, di 7 milioni di euro. Questo risultato è stato possibile perché tutti i soggetti interessati hanno collaborato tra loro. Sindaco, assessori, consiglieri regionali ed eletti in Parlamento si sono ritrovati, uniti, nel sostenere il progetto.

Auspico che questa collaborazione possa essere replicata anche con il Comune di Castelraimondo, sempre ben disposto verso la figura di Nazzareno Strampelli e con tutte le istituzioni pubbliche del territorio, per dare vita ad un analogo progetto riferito alla casa natale di Nazzareno Strampelli. Mi faccio portavoce della famiglia Strampelli ad aprire le porte della casa e alla creazione di un’associazione o fondazione dedicata al nostro avo.

Il Ministro dell’Agricoltura, ha assicurato la sua disponibilità per un finanziamento di un progetto a questo dedicato. Il mio deve essere considerato un invito ai rappresentanti istituzionali marchigiani, a tutti i livelli, Comune in primis, ad unirsi, sul modello di Rieti, per dare il giusto riconoscimento ad un marchigiano che ha dato lustro alla sua terra con i risultati ottenuti. La prima rivoluzione verde nasce nelle Marche e ne dovremmo essere orgogliosi tutti, senza distinzione.


   

da Maria Grazia Carlini





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-12-2023 alle 21:17 sul giornale del 15 dicembre 2023 - 382 letture

In questo articolo si parla di attualità, castelraimondo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eHjO





logoEV
logoEV
qrcode