Il Camerino esulta a Porto Recanati e ritrova la fiducia grazie a Ulissi e Duca

3' di lettura 26/02/2024 - Il successo esterno di Porto Recanati ridà fiducia morale e slancio al Camerino per tanti motivi, ad iniziare da quella continuità che seppur a campi invertiti fa ben sperar perché i 4 punti arrivati nelle ultime due partite sono stati conquistati contro avversarie di cartello.

E' pur vero che la squadra di Cervelli è riuscita a sfruttare meglio la superiorità numerica e soprattutto il contropiede con l’uomo in più, ma è altrettanto significativa la prestazione che ha visto il Camerino andare in vantaggio per due volte e reagire con orgoglio e concretezza. Per la classifica i 3 punti sono importantissimi, in quanto il Camerino rosicchia, scavalca e si lascia dietro più squadre, ma sul fronte distanze, la tranquillità ancora non c’è, con ben 8 squadra racchiuse in 5 punti fra il centro e il penultimo posto, gli stessi però che dividono i biancorossi dal trio Porto Recanati, Folgore Castelraimondo e Passatempese, con quest’ultime tornate a vincere e con la Folgore che sarà la prossima avversaria in casa al Luzi sabato prossimo, in un derby che però non vedrà più mister Carucci (dimessosi dopo la vittoria sul Caldarola) sulla panchina biancoazzurra.

Contro i maestri della zona (per quanto riguarda la scuola degli arancioni portorecanatesi per tradizione) mister Cervelli l’aveva preparata bene, bloccando le fonti di gioco avversarie (sabato prive di Moretti) e ripartendo in velocità sfruttando molto bene le fasce. Stavolta le panchine hanno fatto la differenza, nel senso che nella trazione anteriore del P. Recanati ha pesato lo spostamento più arretrato di Pantone, che giocando più lontano dalla porta (un po’ per esigenze vista l’assenza di Moretti), ma anche per merito del Camerino che lo ingabbiato molto bene.

Sull’altro fronte, permettendosi di poter scegliere il tridente migliore, Cervelli optava inizialmente per Duca, Ulissi e Storani, poi nel finale sul risultato di parità, ha giocato la carta Monserrat, approfittando anche della stanchezza e del forcing degli avversari, che hanno provato a vincere, per poi essere puniti da Duca su una ripartenza micidiale del Camerino. Da segnalare che in entrambe le azioni dei gol camerti c’è lo zampino e l’intuizione perfetta di Romoli a lanciare in profondità, ma anche quella di un Ulissi sacrificatosi a tutto campo, prima con la realizzazione del vantaggio dei suoi (2° centro personale stagionale in biancorosso) e poi con l’apertura su Romoli che serve Duca per il definitivo 1-2.

A suggellare il successo anche la traversa su punizione colpita da Ulissi. L’unica pecca, forse, sul gol subito, ancora una volta su calcio piazzato (giocato) e sul secondo palo, dove Maffei è arrivato indisturbato, ma tutto sommato anche la retroguardia (pur mancando Di Luca che ne avrà per un po’ per infortunio) ha retto bene, con Lispi che sta inserendosi sempre meglio e facendo valere la propria esperienza. Ora non si aspetta altro che sbloccarsi in casa a Luzi e dare continuità ai risultati positivi. Con la classifica corta è giusto guardarsi bene prima le spalle, ma ancora nulla è definito per i play-off e tempo per scalare posizioni ancora ce n’è.








Questo è un articolo pubblicato il 26-02-2024 alle 13:25 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 228 letture

In questo articolo si parla di sport, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eRj3





logoEV
logoEV
qrcode