La colazione di Pasqua anima piazza Cavour, presenze anche dalla costa

2' di lettura 02/04/2024 - E’ chiamata “Colazione di Pasqua”, ma si tiene come da tradizione ne giorno di Pasquetta, ideale per le gite fuori porta e quella di quest’anno è stata caratterizzata dal grande afflusso arrivato dalla costa.

Probabilmente, come nel caso di diverse etichette, quella “mare-monti” può essere identificata anche per questa pasqua 2024, con il giorno di Pasqua che ha visto in pratica molti dell’entroterra riversarsi lungo la costa approfittando anche del primo sole e la mite temperatura per la Pasqua e viceversa si è registrato il giorno dopo. Se in diverse località di mare si è approfittato della legge speciale per dare l’ok agli operatori turistici di hotel e chalet di inaugurare addirittura con un mese d’anticipo la stagione, visto anche il lungo week-end che con le vacanze scolastiche permette di restare ancora in libertà anche per la giornata odierna, anche la montagna e l’entroterra ha fatto registrare il suo sold-out.

Per quanto ha riguardato invece la gitarella giornaliera di Pasquetta, la colazione di Camerino ha recitato la sua buona parte malgrado le tante difficoltà ancora legate al sisma e le minacce del tempo, che invece ha comunque retto spazzando via anche la foschia del mattino, aprendosi poi al sole e richiamando in piazza Cavour camerti (in prevalenza quelli tornati per feste) e turisti in generale, questi ultimi, provenienti principalmente dalla costa adriatica in generale, ma con una rappresentanza numerosa da Civitanova.

Ad accogliere i villeggianti del lunedì di Pasqua, in piazza Cavour c’erano i volontari della Pro Loco e della Croce Rossa che hanno servito il menù tradizione di coratella, pizza di Pasqua della zona, affettati e uova soda. Per i meno informati sulla città, i suoi monumenti, ma anche le sue ferite, c’era anche l’accompagnatrice turistica Giuliana Pisciarelli che ha radunato sempre in piazza Cavour i gruppi di turisti prima di partire alla volta della Rocca dei Borgia attraversando il centro storico. Escursioni che hanno avuto un buon successo, così come l’intera giornata.

“Quest’anno la novità con la Colazione di Pasqua - ha sottolineato l’assessore alla cultura Antonella Nalli – è stata quella di ritrovarci nella piazza principale con l’intenzione di provare a rianimare il centro storico. Presto, come ha già annunciato di recente il sindaco partiranno vari lavori, al Comune, al teatro, che sono anche i primi segnali tangibili di una ripresa. Siamo qui contornati dai cantieri, per cui è un buon auspicio per la città, ma non solo, anche per il territorio. Noto che ci sono persone da fuori e ringrazio chi ha deciso di partecipare a questa iniziativa. Certo, la città è ancora “dormiente” a livello di attività però la speranza c’è e non bisogna mai abbandonarla”.








Questo è un articolo pubblicato il 02-04-2024 alle 14:00 sul giornale del 03 aprile 2024 - 1182 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eWGc





logoEV
logoEV
qrcode